martedì 16 settembre 2014

Samba

"Ciao belli! Come va?" chiese Samba sbucando da dietro i camerini di Lido Azzurro
"Male" risposero loro in coro
"No, perché male? La vita è bella!" disse quel ragazzo "di colore" sorridendo
"Dai, hai ragione, non ci lamentiamo" replicò lei quasi a volersi convincere che fosse  davvero tutto ok.

"Perché va male?" insistette Samba
"Eh, niente lavoro, niente soldi..." sempre lei (lui non è un tipo di molte parole, lei invece si sfogherebbe anche con un bambino)
"Aaah, i soldi non sono importanti"
"Eh così dicono, ma non è poi vero"...
"Posso appoggiare questi qui?" indicando i teli stesi per terra, "Devo andare a pisciare" - ride.
"Sisi fai pure" rispose lui con naturalezza...

"Scusa cc'è dittu?" - "Scusa che ha detto?"
"Ci putia puggiari la rrobba ddani ca era scé pisciari" - "Se poteva appoggiare la merce lì perché doveva andare a pisciare"
"Menaaa veramenti cussì è dittu?" - "Daiii davvero così ha detto?"
"Sisi è dittu propria <<Devo andare a pisciare>>" - "Sisi ha detto proprio <<Devo andare a pisciare>>"

Samba tornava tutto sorridente
"Voi siete sposati?"
"No, fidanzati", ancora in coro
"Perché non siete sposati?"
"Te l'ho detto, mancano i soldi!"
"Noooo, che c'entrano i soldi! Se a casa vostra mangiate in due, mangiate pure in tre! Non volete un bimbo? Non era bello se avevate ora qui un bimbo che diceva <<Mamma vieni, andiamo in acqua>> oppure <<Papà giochiamo a palla!>> e faceva volare la sabbia?"
Lei si commuoveva... Forse per un'altra quelle parole sarebbero state normali, per lei no, erano una doccia fredda... Lei avrebbe dovuto avere un bambino che le chiedeva di andare in acqua, ma non era lì, le cose erano andate diversamente...
"Già, sarebbe bello" rispose lui mentre la abbracciava...

"Io sembro scemo, sono tutto eccitato perché tra un pò nasce il mio bambino, e sono sempre contento, rido sempre"
"Wooow che bello, tra quanto nasce?"
"Tra due mesi"
"Aaah manca poco!!! E come lo chiamerai?"
"Lo chiamerò Ibu. Perché il fratello di mio padre si chiamava Ibu, e per me era come mio padre, mi voleva bene, e io volevo bene a lui. Poi lui è morto, e io allora sono diventato triste. Allora voglio chiamare il mio bambino con il suo nome. Ibu."
"Bravo, è un bel gesto... Spero l'anno prossimo di conoscerlo il piccolo Ibu!"
"Eh non lo so, io abito a Lecce con mia moglie"
"Ah... Vabbé dai noi speriamo di si..."
"Vabbé io continuo... Grazie per avermi fatto appoggiare la roba... Questi sono per voi" e porge loro due braccialetti... di quelli semplici con le perline in plastica...
"Guarda non posso accettarli, davvero, non ho nemmeno venti centesimi con me" lei si vergognava come una ladra, ma d'altronde con due mesi di stipendio in ritardo non è poi tanto strano non avere un centesimo in tasca
"Io ti ho chiesto soldi? No, quindi non voglio soldi! Questo è un mio regalo, voi amici di Samba!"
"Grazie Samba, davvero grazie! Ciao!"
"Ciao Samba, grazie!"



"Speriamo che ci porti fortuna" disse lui speranzoso...

A distanza di poche settimane lui ha già rotto il suo (per dovere di cronaca)...



Non dimenticherò mai Samba, anche se non dovessi più incontrarlo... Credo che sia vero, avere un bambino è la cosa più bella che possa capitare, anche se non si hanno i soldi...
Ma poi la ragione prevale, non potrei mai mettere al mondo un bimbo senza potergli dare tutto il necessario... Sarei egoista, e io non lo sono, il mio istinto materno può ancora aspettare...

Maira

Con questo post partecipo al Linky Party di Alex 

35 commenti:

  1. Anche mia nonna diceva sempre dove si mangia in due si mangia anche in tre... noi abbiamo due bimbi e quindi mangiamo in 4. Non è sempre facile ma possibile sì. Ti auguro tanta felicità. Giorgia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giorgia... Sai se si lavora in due è più semplice... Invece qui lavoro solo io... E poi il mangiare è relativo, io vorrei dare ai miei figli un futuro concreto, delle risorse, delle opportunità che non ho potuto avere io...
      Grazie comunque,

      maira

      Elimina
  2. Ciao stellina, mi hai commossa sai.....
    E' bellissimo questo post! Molto vero! Molto realistico sotto entrambi i punti di vista.... perchè è quello il discorso. Ognuno di noi ha un modo di vedere le cose suo personale. C'è chi è ottimista e chi no, chi sogna ad occhi aperti ed è convinto di avere abbastanza dalla vita e chi è più realista.
    Anche mia nonna diceva così... dove si mangia in due si mangia in tre.... forse una volta. Ora è molto più difficile. Non impossibile ma difficoltoso. E tanto.
    E poi capisco le tue remore. Vi hanno rubato il futuro... niente lavoro, niente soldi, niente sicurezza!!!!
    E' normale sentirsi egoisti in queste condizioni nel voler un figlio. Sapere che non c'è nulla per noi e ancora meno per il futuro bambino.
    Ma voi siete giovanissimi. VEdrai che le cose miglioreranno almeno un po' e ci sarà di nuovo qulache speranza in più a cui guardare. Un futuro un po' più roseo.
    Te lo auguro.-... ve lo auguro con tutto il cuore. A te, al tuo fidanzato e a tutti i giovani italiani e non che adesso stanno veramente tribolando.
    Un bacione grandissimo e un augurio di cuore: NON PERDETE MAI LA SPERANZA E LA VOGLIA DI VIVERE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patricia! No, non perdo mai la speranza, ma spesso non so dove sbattere la testa... Io un lavoro ce l'ho, è buono, mi trovo bene e la paga è ottima, ma si sa, siamo in un momento di crisi, e non è raro che lo stipendio tardi uno o due mesi... Lui invece si arrangia con i lavoretti, un mese guadagna 300 euro, un altro mese 400, ma mica si campa così? O meglio, come dicevo a Giorgia, puoi mangiare forse, ma non puoi garantire granché ai tuoi figli... Ok io sono una che sa risparmiare tantissimo, ma spesso non basta... Grazie comunque Patricia, so che anche tu hai una figlia della mia età più o meno, e so che parli con coscienza e conosci la situazione...

      Maira

      Elimina
  3. Che bel post Maria!
    Grazie per averlo scritto! Hai descritto bene Samba. Mi ricorda tanti amici conosciuti in Africa.
    Ho vissuto là 2 anni e mezzo e devo dire che anche se non hanno niente sono molto più felici di noi perché hanno la speranza!
    Non perderla!
    Vedrai che le cose si sistemeranno e potrai costruire una bella famiglia felice.
    Te lo auguro con tutto il cuore.
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, sono più felici pur non avendo nulla... Hanno però un cuore grandissimo, e di questo sono sicura, e sono contenta di riuscire a "sentirlo", a dispetto di tutta la gente razzista che purtroppo ci circonda ogni giorno, che fa discorsi che io reputo assurdi...
      Grazie Maria,

      Maira

      Elimina
  4. Hai ragione Maira avere un bambino è la cosa più bella per coronare un unione ... una famiglia .... tanto amore in questa parola ........ parlare di speranza in questo momento è davvero difficile ... per le difficoltà che si stanno attraversando....non è più come un tempo quando bastava veramente poco per allevare un bambino ora vi sono esigenze diverse .... speriamo tutti in un cambiamento ... te lo auguro di cuore ... un abbraccio
    giusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per gli auguri davvero sentiti, Giusi...
      Un bacio

      Maira

      Elimina
  5. Concordo con tutti i commenti precedenti, un bambino è la cosa più bella che può capitare ma capisco le tue remore, le avrei anch'io.
    Ma sei giovane, vedrai che le cose cominceranno a girare per il verso giusto.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Norma, grazie per le parole di speranza...

      Maira

      Elimina
  6. ...mi scendono le lacrime...
    ...è un argomento che mi tocca molto da vicino...

    Un bacione grande a te e a Sambal

    Sharon

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Sharon... Come avrai capito è un argomento doloroso anche per me... Spero che le cose cambino per tutte noi... Quando vuoi parlarne io sono qui.
      Un bacio,

      Maira

      Elimina
  7. Maira, cosa posso dirti .. mi hai emozionato. Viene voglia di prendere una bacchetta magica e sistemare tutto ciò che in questo mondo è terribilmente ingiusto. Magari si potesse! Un abbraccio, e spero di leggere presto notizie belle, bellissime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, sarebbe bello... Un abbraccio e grazie!

      Maira

      Elimina
  8. Un abbraccio grande cara Maira. Presto le cose si sistemeranno, vedrai. <3
    Carla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero, grazie Carla, un abbraccio!

      Elimina
  9. Cara Maira, sono sicura che il futuro vi riserverà grande felicità.
    A volte basta a spettare, altre volte bisogna azzardare. Ascoltate il vostro cuore, saprà suggerirvi la strada giusta.
    Un abbraccio
    Impe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Impe, trovi sempre le parole giuste!

      Maira

      Elimina
  10. Maira, mi paice molto come scrivi..e i tuoi racconti sono carezza al cuore...

    complimenti

    giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura!!! Beh finché andavo alle superiori mi sentivo talentuosa... Poi è come se fossi regredita, leggo meno, scrivo meno, non riesco più ad esprimermi come vorrei... E poi questo non è un racconto immaginario, purtroppo...
      Grazie Giulia, sei gentilissima!

      Maira

      Elimina
  11. Mi sono commossa, ogni tanto penso ad avere dei figli, ma non vivendo ancora insieme sarebbe una follia!!
    Ma come te penso:<< che futuro posso offrirgli!!>>
    Ti sono vicina e ti capisco, siamo donne e la maternità deve essere una cosa fantastica!!

    un bacio grosso
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già... Speriamo bene va... Io non avrei fretta, è solo che vorrei qualche sicurezza per il futuro, e il fatto di non averla mi mette un'ansia!!! Si sistemeranno le cose spero, per tutti noi...
      Grazie...

      Maira

      Elimina
  12. Maira, ma che bel racconto, scritto con enfasi e mi hai anche emozionato. Non è che sei una scrittrice in incognito? Scherzo così ti tiri un po' su :)
    Ti capisco: un bambino rallegra, unisce, ti fa sentire viva e sai che una parte di te vive in lui, ma poi ci si scontra con la realtà e allora ecco tutti i dubbi.....Quando sarà il momento lo capirai e i dubbi spariranno in un soffio.
    Un bacio e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo che scrittrice, magari! Leggendo mi sembra scritto da un bambino, un tempo ero molto più in grado ;) Grazie comunque, davvero... Sei sempre dolcissima!

      Maira

      Elimina
  13. La penso come te, guarda. Tutto bello e son contenta per chi riesce anche con pochissimo...io sono molto parsimoniosa e semplice ma ci vuole anche concretezza. Con uno stipendio è dura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, quello che dico anche io... Si può risparmiare tanto, e io sono una che sa come farlo e lo fa, ma ci sono delle cose su cui non si può risparmiare anche mettendoci tanto impegno, e con uno stipendio non ce la farei mai...
      Grazie Liz, mi piacerebbe conoscere un pò il tuo mondo ma non hai un blog, magari se vuoi ti seguo su IG!

      Maira

      Elimina
    2. Tesoro...mi segui già nel mio blog:) il blog di Liz;-)

      Elimina
    3. Mandami la richiesta anche su instangram....mi sa che me la sono persa:)

      Elimina
    4. No, vabbé sono da manicomio!!! Io apro il tuo profilo Blogger e non trovo il tuo blog... Trovo solo "La mia pagina Web" e va direttamente su IG!!! Ecco perché non pensavo che fossi tu...
      Scusa la sbadataggine, tra l'altro il tuo blog mi piace molto, mi piace come scrivi... sono imperdonabile!

      Maira

      Elimina
  14. ciao Maira grazie per aver condiviso con noi questo racconto così emozionante!!!
    Ti abbraccio con affetto e ti faccio un mondo di auguri ...

    RispondiElimina
  15. Lei avrebbe dovuto avere un bambino (…) ma le cose erano andate diversamente...
    Tesoro ti abbraccio, non so se ho frainteso, in ogni caso ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rachele... :( Ti abbraccio forte anch'io...

      Maira

      Elimina
  16. Ciao Maira!!! Arrivo in ritardone ma arrivo! ♥
    Molto toccante questo post... quanta saggezza si può trovare nella più "semplice semplicità"... noi siamo troppo condizionati... in ogni caso, la penso come te, non bisogna fare un figlio per egoismo, ci deve essere molto di più. Io non riesco a prendermi questa responsabilità, e se poi sbaglio? per questo l'ho messo nelle mani di Dio. Gli ho detto di farmi avere un figlio solo se è Sua volontà, non la mia, e solo se è Suo, perchè così, indipendentemente da tutto sarà felice. In questo modo sono certa che se mai avrò un figlio... tutto andrà bene :)
    Rimetti ogni scelta nelle Sue mani con piena fede e vedrai che la vita, tutto, sarà molto, molto più leggero ♥
    un grande bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bacio anche a te, Vivy! Riesci sempre a dire cose giuste.

      Maira

      Elimina

Lasciate un'impronta nella mia stanza!