mercoledì 26 novembre 2014

Ancora Liebster Award

Ebbene si, non sono di quelle che portano il conto purtroppo, ma mi sono stati assegnati altri due premi Liebster Award!


Questa volta devo ringraziare Rosalia del blog Consigli d'arredo, che non posso non tenere d'occhio perché amo i blog di arredamento e amo tanto sognare ad occhi aperti la mia casa eventuale e futura, e Antonella del blog TottòByDesign, un blog fresco, giovane e spensierato che racconta l'arte in maniera davvero originale e alla moda.

1) Ringraziare il blogger che ti ha nominato. (Grazie carissimeeeee!!!)
2) Rispondere a 10 domande (Quindi 20?!)
3) Nominare almeno altri 10 blog con meno di 200 followers (Salto)
4) Proporre 10 domande a cui i nominati dovranno rispondere (Salto)
5) Comunicare la nomina ai blog prescelti (Salto)

Le domande poste da Rosalia ed Antonella sono le stesse a cui ha risposto lei e le stesse a cui ho già risposto in questo post.

Antonella pone altre due domande aggiuntive, a cui rispondo molto volentieri.

Cosa ti fa continuare a scrivere sul blog?
Mi piace il mondo che mi si è aperto da quando ho questo blog, e nonostante mi renda conto che il mio non sia all'altezza degli altri, la comunicazione e la stima che ho nei confronti delle persone che seguo o che mi seguono mi spinge a non mollare mai.

Qual è la cosa che ti riesce peggio?
Sicuramente le foto e la parte grafica del blog!!! Non ho mai il tempo per organizzare delle belle foto, per scattarle o per disporre ciò che voglio fotografare nel modo migliore. Diciamo che mi accontento, cosa che odio perché in genere non mi accontento mai, sono molto ambiziosa, però a volte mi tocca dover scegliere e dover rinunciare a delle cose. Ecco, una di queste è proprio la cura grafica del blog.

Inoltre vorrei ringraziare Patricia del blog Myrtilla's house per aver sperimentato un gioco di parole ispirato al mio nome... Beh devo dire che ha proprio trovato le parole giuste per descrivere il mio modo di essere.

Bene, spero di non essermi dilungata troppo.

Grazie ancora a Rosalia, Antonella e Patricia!

Maira

Bocconotti pugliesi

Il periodo natalizio si avvicina sempre più, mancano 29 giorni a Natale e già questo basta a mettermi ansia. Sono molto indietro con le preparazioni natalizie, con i pacchi da spedire, con i regali da creare... Poi manca pochissimo per il compleanno del mio ragazzo, e vorrei fargli una torta che ho in mente da un po', spero solo di non ridurmi all'ultimo momento.

Ogni tanto però bisogna pur staccare la spina e dedicarsi a cose non programmate, cose che si vogliono fare ma per cui nessuno ci mette fretta, nemmeno noi stessi.

Ed è così che domenica, complice un invito a casa di amici, ho deciso di alzarmi presto e preparare chili di pasta frolla per farne crostate e bocconotti.



Forse voi li chiamate diversamente, ma questo è il nome che hanno dalle mie parti, questo è il nome che usava mia nonna.

La ricetta è veloce e semplice, ecco gli ingredienti per ottenere circa 15 bocconotti grandi:

2 uova
200gr di zucchero
200gr di olio di semi + qb per oliare i pirottini
buccia di un limone grattugiato (o in alternativa una bustina di vanillina)
mezza bustina di lievito per dolci
500gr di farina + qb


Frullare le uova con lo zucchero, aggiungere l'olio pesato e la buccia del limone e continuare a frullare.
Quindi aggiungere la farina e il lievito e impastare velocemente con la punta delle dita. Se necessario aggiungere altra farina, una manciata dovrebbe essere sufficiente.

Tenere l'impasto in frigo per almeno 15minuti.

Nel frattempo oliare i pirottini antiaderenti (io li ho acquistati alla fiera di paese)

Quindi prelevare la frolla dal frigo, prenderne dei pezzettini e schiacciarli con le mani per poi riporli nei pirottini come nella foto che segue. Non importa la precisione o l'estetica, saranno bellissimi e precisi una volta cotti.



Io li ho riempiti con la mia Confettura di prugne e con della crema alla nocciola.



Quindi mettere sopra un'altra sfoglia di pasta frolla schiacciata sempre con le mani e sigillare i bordi (ovviamente per la fretta ho dimenticato la foto a quelli al cioccolato, ma insomma si capisce)


Infornare a 180° per 20 minuti accendendo il forno solo inferiormente. Quindi accendere il forno anche sopra e prolungare la cottura di altri 5 minuti.


Ed eccoli qui belli e buoni, non perché li abbia fatti io ma perché lo sono davvero.



Questa frolla è spettacolare, davvero buona e ottima anche per farne dei biscotti da inzuppare nel latte.

Con questo vi lascio, se avete domande fate pure.


Maira

martedì 25 novembre 2014

Fall Bucket List

Buondì a tutti!

Oggi post veloce per comunicarvi la mia partecipazione ad un contest.


Si tratta di un'altra iniziativa di Alex del blog C'è Crisi, C'è Crisi riguardante l'autunno. Sono d'accordo con lei quando dice di aver iniziato troppo presto a pensare al Natale, da aver quasi saltato questa stagione meravigliosa che è l'autunno. E quindi ha voluto dedicare a questi tre mesi così affascinanti, il contest "Fall Bucket List". Quindi mi sono messa a pensare. Lo scopo è quello di fare una lista di dieci cose da fare entro la fine dell'autunno. Ed ecco quindi la mia personalissima lista, in cui ho scritto anche ciò che ho già fatto, ma in ogni caso ho indicato ciò che non può mancare nel mio autunno ideale...



 E voi? Se avete fatto la vostra Fall Bucket List partecipate pure, avete tempo fino al 8 Dicembre!


Maira

mercoledì 19 novembre 2014

A natale regalo... Sciarpa crochet semplice per Serena!

Buongiorno a tutti!

Oggi un'altra sciarpa... Beh si, starete pensando "Che fantasia, regala a tutti sciarpe!".

La verità è che questi regali sono rivolti a cinque fratelli... E una volta ho fatto regali diversi a ciascuno di loro, vi lascio immaginare il caos! Uno avrebbe voluto il puzzle che avevamo regalato al fratello, le femminucce litigavano per i loro giochi! Insomma non ci ho azzeccato. Quindi ora, oltre a dei giochini semplici che regalerò loro perché comunque sono dei bambini (per fortuna le loro letterine a Babbo Natale non sono molto pretenziose), regalerò loro queste sciarpe (e spero anche dei cappellini, ma non so se farò in tempo).

Questa è per Serena, la piccolina. Ha un anno e due mesi, è l'unica che non ho mai conosciuto, ma la sua mamma per fortuna ci manda sempre tante foto (Santo Whatsapp in questo caso!) ed è davvero un angioletto biondo con gli occhi azzurri!





Ecco qui lo schema. Io in realtà per dare movimento al disegno ho semplicemente aggiunto una catenella oltre a quelle di base normali, lasciando su un lato sempre una maglia in più in modo che il disegno sembrasse spostato più verso un lato. Lì però è una questione di gusti, ad esempio mia madre lo avrebbe lasciato così...



Ho utilizzato due gomitoli da 50gr di 100% pura lana vergine merino Mondial Prima e un uncinetto n.° 5.5.

Essendo per una bimba piccola mi sono limitata con le misure, ma lo schema può essere allungato e allargato a proprio piacimento eseguendo più catenelle di base e modificando il disegno in questo modo (che personalmente a me non piace)



o in quest'altro modo, che mi piace sicuramente di più



In particolare quest'ultimo schema debitamente ingrandito, sarebbe ideale anche per una copertina.

L'importante è iniziare il disegno successivo due giri dopo quello precedente. Vi lascio uno schema (l'ultimo, giuro!) per spiegarmi meglio, spero di riuscirci.



Con questo post partecipo alla Raccolta di Natale Handmade Christmas "Regali fai da te" creata da Alex del blog C'è Crisi, C'è crisi


Buona giornata a tutti!

Maira

lunedì 17 novembre 2014

Di Giveaway, Blog Candy e interviste

Ok ultimamente sono un po' più presa dal blog...

Sto imparando a pensarci di più, ho tanti progetti per la testa e per attuarli dovrei dedicarmici tutto il giorno no stop, cosa ovviamente non fattibile.


Punto n° 1:

Inizio con il ringraziare pubblicamente, seppur in ritardissimo, Patricia del blog Myrtilla's House che mi ha posto cinque domande all'inizio di Novembre per l'iniziativa "Intervista il tuo blogger preferito" della community G+ Blog and Blogger: Fatti conoscere - Add your blog or site.

Ecco il post della mia intervista (cavolo, mi rendo conto che scrivere "la mia intervista" fa un po' donna famosa, mi sento in soggezione!!!).
Scherzi a parte, mi sono sentita davvero apprezzata, e questo per me è davvero molto, non la ringrazierò mai abbastanza.


Punto n° 2:

Segnalo la splendida iniziativa di Giulia del blog Love for Shabby. Lei abita a pochi km da me, e spero un giorno di poterci incontrare per un caffé e per portarle la mia Crema di Limoncello (dovrò trovare dei limoni che siano all'altezza). Intanto partecipo al suo Christmas Blog Candy. Mette in palio una sua creazione in fase di realizzazione e anche se non c'è la foto sono sicura sarà bellissima, come tutte le sue opere!


Punto n° 3:

Partecipo ad un altro giveaway... Ok sembro un'approfittatrice, ma i blog che seguo sono sempre tutti così interessanti, di conseguenza non posso lasciarmi scappare simili opportunità...
Quindi questa volta ci provo con l'Indovinello per il Giftaway di Sara, del blog This Is Sara, che regalerà la sua meravigliosa pochette a chi indovinerà quanto ha speso in un famoso negozio di stoffe e accessori per il cucito. Io non ne capisco molto, ma ci proverò lo stesso, e dato  che ho tre possibilità di vincita, metterò tre prezzi assolutamente diversi, e ovviamente spero di vincere!




Bene, ora vi saluto... Vi lascio con delle foto della gatta di mia nonna, la mia preferita e quella che è più legata a me. Ogni volta che mi vede si mette a pancia in su perché adora i grattini, e poi si strofina sempre tra i miei polpacci mentre cammino o sono seduta, perché vuole attenzioni e carezze...

Si chiama Perla...


Non è un amore???

Maira

giovedì 13 novembre 2014

Scaldacollo semplice by TwoLittleBirds per Natale!

Buondì!

Oggi vi mostro il regalo che ho confezionato per mia cognata Dorina, un semplice scaldacollo creato sulla base del tutorial di Maddalena del blog TwoLittleBirds...

Chi ama il crochet, le cose semplici e soprattutto i colori armoniosi e delicati non può non visitare il suo blog.

Non cerco di spiegarvi come è fatto perché non potrei farlo meglio di come lo ha fatto lei, vi dico solo che io ho leggermente aumentato il numero di catenelle e che non ho contato i passaggi perché la lunghezza è relativa... Inoltre il tipo di lavorazione permette una straordinaria elasticità del capo, requisito indispensabile per questo tipo di accessorio che deve passare per la testa...

Vi lascio con le foto del mio scaldacollo, il link per il tutorial invece lo trovate in alto.




Ho usato due gomitoli da 50g di 100% lana vergine merino, purtroppo è inutile dirvi che tipo di lana è in quanto si tratta di un filato Mondial ormai fuori produzione acquistato dalla mia rivenditrice di fiducia con un piccolo sconto.

Con questo post partecipo alla Raccolta di Natale Handmade Christmas "Regali fai da te" creata da Alex del blog C'è Crisi, C'è crisi



A presto!

Maira

lunedì 10 novembre 2014

Sciarpa semplice a crochet per Giulia

Per Natale regalo handmade... a tutti, escluso il mio ragazzo per motivi vari...

Ormai me lo sono ripromessa e anche se ho sempre poco tempo, creare con le mie mani i regali per le persone che amo mi fa stare bene, e questa sciarpetta è tutta per Giulia, la mia nipotina di tre anni e mezzo...

Spero di fare in tempo a farle anche un cappellino abbinato, ma per il momento la vedo dura...


Ho utilizzato un filato 100% lana vergine merino fine, la Mondial n° 26.

Sono stati sufficienti 2 gomitoli di lana da 50gr per ottenere una sciarpa larga 18cm e lunga 115cm (pensate che ne avevo acquistati 7 perché pensavo rendesse molto meno)

Ovviamente le misure le scegliete voi in base alle vostre esigenze, io sono andata un pò ad occhio perché la famiglia della sorella del mio ragazzo abita lontano, e i loro cinque splendidi bambini non li vedo da due anni, anzi la piccolina non ho mai avuto l'occasione di tenerla tra le braccia :(

In ogni caso lo schema seguito è semplicissimo, quattro maglie alte alternate a due catenelle lavorate in corrispondenza delle due maglie sottostanti.
Si inizia sempre il giro con una maglia alta (o meglio con tre catenelle che nello schema non ho indicato) e si prosegue facendo corrispondere lo spazio aperto a quello chiuso del giro precedente.


Per rendere il lavoro più morbido ai bordi, ho deciso di iniziare ogni giro con uno spazio aperto e farlo terminare con uno chiuso, in modo che i giri risultassero sempre alternati... Inoltre mentre lavoravo ho teso sempre il lavoro con la mano destra, in modo da rendere più particolare il disegno senza agire sullo schema, in effetti (nella foto si nota pochissimo) sembra come se ogni giro tendesse dal lato opposto al giro precedente... Oddio, so benissimo di non essere stata affatto chiara, ma non so come altro spiegarlo, mannaggia a me!

Che dire, sono molto soddisfatta, avrei voluto fare un bordo carino ma ho notato poi che lasciandola semplice risultava molto più bella.

Spero di pubblicare presto le altre due sciarpe e lo scaldacollo che ho già fatto...

Con questo post partecipo alla Raccolta di Natale Handmade Christmas "Regali fai da te" creata da Alex del blog C'è Crisi, C'è crisi


A presto!

Maira

giovedì 6 novembre 2014

Nuovo Liebster Blog Award!

Salve a tutti!

Questo è un periodo pieno di post (o almeno più di quanti sia solita farne).

E' che ho ricevuto un premio dalla dolcissima Patricia, mamma di Myrtilla, e come potrei non accettare?

Il premio è il Liebster Blog Award


Le regole per ritirare il premio sono:

1 Ringraziare la persona che ci ha nominato linkandone il post o il blog ( Grazie Patricia!!! )
2 Esporre il logo del meme ( Fatto! )
3 Rispondere alle 11 domande stabilite dalla persona che ha dato il premio .
4  Postare 11 informazioni su me stesso
5 Creare 11 domande per le persone a cui si darà a sua volta il premio (non ce ne sarà bisogno)
6 Scegliere altre persone da premiare tra i blogger con meno di 200 follower (non lo farò, sorry!)


Ok ora tocca rispondere alle domande di Patricia:

1 Essere o avere. Cosa è meglio per te?
  
Per me è molto più importante Essere. Non che Avere non conti nulla, però credo molto più
   nell'anima, nella coscienza della gente, piuttosto che nel suo conto in banca, nella sua casa o nel
   suo portafogli.

2 La ricordi la tua più grande marachella? Ce la racconti vero...?
   E' una cosa che ho fatto quando avevo sei anni, e non la dimenticherò mai. Forse non è la più
   grande marachella che abbia mai fatto, ma di sicuro quella di cui mi pento di più.
   Vivevo all'epoca in Germania, a Nurnberg. Frequentavo la scuola per stranieri e in classe con me
   c'era una ragazza bosniaca molto povera. Un giorno non so perché, facendo la stupida con altri
   compagni, le tagliai il maglione. La manica destra, in prossimità del gomito. Presi le forbici e zac...
   Le si riempirono gli occhi di lacrime, e in quel momento sarei voluta morire...
   Sarà una cavolata, e avevo sei anni, ma posso dire che mi accompagnerà per tutta la vita, ogni volta
   che ci ripenso piango come una scema (anche ora). Poi diventammo amiche, poi io tornai in Italia e
   non so lei che fine abbia fatto, ma non dimenticherò mai Flora, il suo maglione vecchio e la mia
   cattiveria.

3 Un viaggio che faresti. Dove ti piacerebbe andare?


   Beh purtroppo viaggio poco, e quindi anche andare a trenta chilometri da casa mia per me sarebbe
   già bellissimo. Proprio per questo non ho un posto particolare in cui mi piacerebbe andare.
   Ad esempio mi piacerebbe andare in Calabria, in un bosco a raccogliere castagne. Però questo non
   è un vero e proprio viaggio. In alternativa andrei a trovare i miei cognati e nipotini (anzi i nipotini
   del mio ragazzo) a Udine, oppure andrei in Germania a visitare i posti dove ho vissuto e che ricordo
   con tanto amore... Ma in generale mi piacerebbe poter girare il mondo ecco...

4 Se andassi in Scozia a vedere il Loch Ness e Nessie emergesse? Che faresti e diresti?

   Beh innanzitutto prenderei la macchina fotografica. Non per rivendere le foto, ma perché sarebbe
   una cosa talmente "magica" da voler fermare l'attimo... E poi boh, cosa direi non lo so, di certo
   impazzirei di gioia paura!

5 Se dovessi incontrare Dante Alighieri o Fabio Volo, chi sceglieresti?

   Dante Alighieri, senza dubbio. Senza nulla togliere a Fabio Volo che apprezzo molto nonostante sia
   snobbato dai più, ma Dante E' la letteratura, Dante è padre della nostra lingua, non si sostituisce
   così facilmente...

6 Sei un tipo da mangiare una schifezzina ogni tanto?  Tipo i dolcetti confezionati o simili... 

   Ogni tanto? Purtroppo molto spesso... A casa mia queste cose le comprano ed io non so resistere,
   ma devo dire che se vivessi da sola ne farei volentieri a meno... Forse l'unica cosa che comprerei
   di tanto in tanto sono le patatine in busta...

7 Beatles o Rolling Stones?

   Sinceramente non è che sia molto ferrata su questi due gruppi. Conosco pochissime canzoni. Però
   dovendo scegliere direi Beatles

8 Ti propongono un mese di vacanza gratuita su.... Marte. Ci andresti?

   No

9 Quando sei in auto, sei sempre la solita persona oppure ti trasformi come la maggior parte degli 

   automobilisti?
   Dipende. Ad esempio per il traffico non perdo la pazienza. Se invece qualcuno fa manovre
   pericolose mettendo a rischio la propria vita e soprattutto quella degli altri, qualche parolaccia
   ci scappa... Mi ricordo una volta in particolare il mio ragazzo mi guardò con gli occhi spalancati,
   perché in genere non dico nemmeno parole tipo "m...a", ma dico cacca hahaha...

10 Dopo aver risposto a queste domande, cosa faresti a chi te le ha poste?????

     Mmm fammici pensare... Un bacino e un abbraccio stritoloso, perché in tante occasioni mi ha
     fatto sentire davvero apprezzata... E poi le direi "Patricia, ma le domande non sarebbero dovute
     essere 11? E le 11 informazioni su di te le hai scritte??? No eh?" :)


Ecco invece le 11 informazioni su di me:

  1) Amo le dosi massicce di carboidrati, ahimé
  2) Il mio animale preferito è il gatto, e anche se sono allergica prima o poi ne avrò uno
  3) Ho tinto i capelli di rosso e mi stanno bene, ma ho un sacco di crosticine che non riesco a
      togliere e ora non so che fare :(
  4) Porto l'apparecchio ai denti da due anni, e dovrei toglierlo tra una decina di mesi (non vedo 
       l'ora!)
  5) Odio le porte a soffietto
  6) Non trovo mai tempo per me stessa
  7) Sono una maniaca dei numeri... Sul mio bilancio personale annoto tutto, anche se spendo 10
      cent. per fare una fotocopia!
  8) Tendo a pianificare troppo la mia vita, e poi prendo mazzate e delusioni
  9) Sono una finanziera dentro, non esco da un negozio se non mi fanno lo scontrino, e se qualcuno
      insiste minaccio sempre di chiamare la Finanza... In effetti avrei voluto fare domanda in Finanza,
      ma mio padre mi ha sempre scoraggiata in questo, e ora mi pento amaramente di essermi fatta
      condizionare tanto
10) Spesso mi convinco seriamente di essere stata adottata, perché ho pensieri del tutto contrastanti
      rispetto a quelli dei miei genitori e dei miei parenti. Su ogni cosa!!! Poi mi guardo allo specchio
      e mi rendo conto che è scientificamente impossibile
 11) Porto i plantari ortopedici ai piedi e dovrò portarli per tutta la vita.

Come avrete capito tra plantari, apparecchio e crosticine in testa, è già tanto se in giro non mi scambiano per la befana tutto l'anno...

Beh credo di aver finito.

A presto!

Maira

mercoledì 5 novembre 2014

Salviamo le oche!

Post veloce...

L'altra sera, come quasi ogni domenica, guardavo Report.

Ecco qui l'intera puntata.

Mi ha colpito in modo assolutamente negativo il servizio sulle oche spennate vive per ricavarne piume da rivendere ai produttori di piumini, piumoni e quant'altro (pettinarle sarebbe troppo dispendioso in termini di tempo e denaro). Mi ha fatto impressione vedere anche le immagini di povere oche o anatre alimentate con la forza attraverso grossi tubi inseriti direttamente nella gola per "ingrassarle" e farne il foie gras. Mi sono vergognata di far parte della "razza umana", tanto malvagia nei confronti della natura, tanto malvagia spesso anche nei confronti dei propri simili.


A tal proposito, ho letto sul blog del Cavaliere Oscuro di una petizione sul sito Change.org, a cui ovviamente ho partecipato, e che condivido subito pregandovi di dare il vostro contributo perché in questi casi dobbiamo fare qualcosa, anche se nel nostro piccolo.

>>>>>Qui<<<<< trovate la petizione, vi prego ancora di firmarla.

E inoltre, restando in tema, volevo segnalarvi questo video visto sul blog di Viviana



 

E' la realtà nuda e cruda, e penso sia nostro dovere ogni tanto ricordarci di ciò che significa per noi la Terra...

Sembrano frasi fatte, ma dovremmo rispettare la natura, se lo facessimo un pò tutti queste crudeltà non si verificherebbero...

A presto,

Maira

lunedì 3 novembre 2014

Confettura di Prugne!

Bonjour!!!

Oggi voglio darvi la ricetta e il procedimento per fare una confettura buonissima che ho preparato (e già assaggiato) la settimana scorsa.

Ha un sapore deciso, l'avevo già fatta quest'estate con più zucchero, ma non mi era piaciuta affatto, lo zucchero copriva il sapore della frutta!
Questa è molto più buona perché l'odore e il sapore della frutta si possono sentire, è dolce ma al punto giusto...

Vi do le proporzioni su un chilo di frutta, anche se io ne ho utilizzata quattro chili e mezzo.

1kg di prugne denocciolate e con tutta la buccia
450g di zucchero

Tagliare le prugne (o susine) a pezzettoni, trasferirle in una ciotola con lo zucchero e lasciar macerare 24 h. Nella foto che segue si vede la differenza, la frutta inizia già ad ammorbidirsi e lo zucchero si scioglie diventando liquido.


Quindi sterilizzare i vasetti bollendoli per almeno mezz'ora e intanto mettere sul fuoco a fiamma medio-alta la pentola con la frutta e il succo, finché i pezzettoni non si saranno sfaldati (scusate per la qualità delle foto ma già in questo sono una schiappa, poi ci si mette anche il vapore e davvero non sapevo come fare!).



A questo punto passare tutto il composto (senza buttare il succo) utilizzando un semplice passaverdure... Non ci vorrà molto, io quattro chili e mezzo li ho passati in un quarto d'ora.

Quindi rimettere sul fuoco e quando si addenserà potremmo metterla nei vasetti sterilizzati, chiuderli bene e metterli a testa in giù.

Il giorno successivo li rimetteremo tranquillamente a testa in su e li trasferiremo in un luogo fresco e asciutto, possibilmente abbastanza buio...


Ne userò un paio per fare dei regalini di Natale, l'altra la userò per delle crostate o dei bocconotti, dolci tipici della nostra zona...

Con questo post partecipo alla Raccolta di Natale Handmade Christmas "Regali fai da te" creata da Alex del blog C'è Crisi, C'è crisi


A presto!

Maira