venerdì 4 settembre 2015

Errori III

Accetta.

Le sembrò di sentire un rumore assordante cliccando su quel tasto.

Non fece altro. Non gli scrisse. Era decisa, doveva essere indifferente, comportarsi come se lui non le potesse mai cambiare la vita.

In realtà iniziò ad accendere la connessione più spesso, durante la giornata.

Per Achille, il suo ragazzo, provava tanta tenerezza.
Achille aveva compreso all'epoca, l'aveva stretta forte a se dicendole che l'avrebbe lasciata libera di scegliere lui o l'altro. E lei aveva scelto lui.
E probabilmente aveva fatto bene, erano così diversi da incastrarsi alla perfezione, e ora che stavano progettando una vita insieme la loro felicità era ancora più evidente.

Perché allora erano bastate poche parole di Alessandro per farle mettere tutto in discussione?

In ogni caso non si era fatto risentire, era passata una settimana e lei ormai era fiduciosa, le acque si sarebbero presto calmate e la sua vita sarebbe tornata alla normalità.


***

Il suo turno in ufficio era terminato. Raccolse le sue cose e le infilò velocemente nella borsa, prese il suo cappotto che per la fretta nemmeno abbottonò; lo avrebbe fatto dopo. Scese dalle scale, odiava l'ascensore. Fuori era già buio, anche se erano ancora le 16.30. Non faceva poi così freddo, decise di non abbottonare il cappotto. Si dirigeva verso la macchina quando se lo ritrovò davanti. Alessandro era lì. Era la prima volta che si vedevano.
O meglio, si erano incontrati un sacco di volte in giro per la città, ma per qualche assurdo motivo non si erano nemmeno mai salutati.
E ora lui era lì. Cosa sarebbe successo? Cercò di non pensarci.

"Cosa ci fai qui?"

"Buonasera! Pensavo fossi contenta di vedermi... ".

"Non particolarmente, sei il tizio che stava per mandare a monte la mia storia, a causa delle sue bugie." rispose lei, irritata.

"Ti ho già chiesto scusa mille volte per quella storia, parlai anche con Achille. Secondo te perché lo feci? Stupidamente pensavo che sarebbe stato semplice per me dimenticarti. Ma non posso arrendermi perché so che provavi qualcosa nei miei confronti, non so, magari anche solo affetto. E per quanto Achille mi sembri una persona buona, non posso anteporre la sua felicità alla mia, me ne frego. "

"Pensa un po', io no invece, non me ne frego" rispose lei istintivamente, andando a passo svelto verso la macchina.

Lui non parlò. Le camminò accanto. Arrivarono alla macchina e, mentre lei cercava le chiavi si limitò a guardarla. Avrebbe voluto accarezzarle i capelli, non lo aveva mai fatto.

Lei si arrese al suo sguardo addosso, si girò scrollando le spalle in segno di resa e, con tono questa volta più pacato, gli disse "Non ce l'ho con te. Non più. Semplicemente non provo nulla per te. All'inizio solo tanta delusione perché pensavo fossimo amici. E gli amici non si comportano come te. Anche se dopo hai cercato di rimediare non potrò mai più fidarmi. Se una persona mente una volta può farlo sempre."

In quel momento anche lei mentiva. E lui lo sapeva.

"Va bene, facciamo così. Non voglio provarci, giuro. Ti offro qualcosa, vieni.".

Lo seguì anche se la testa le diceva che sarebbe stato meglio andarsene.

Perché lui stava di nuovo mentendo. E lei lo sapeva.

6 commenti:

  1. Ecco appunto, gioia mia, se lo sai perchè lo segui?
    Mi piace Maira!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che ne so, questa quì se le cerca hahaha :)
      Grazie per aver condiviso di nuovo :*

      Maira

      Elimina
  2. Che meraviglia... Il tuo modo di scrivere mi piace tantissimo...
    Dovresti prenderlo in considerazione, come possibilità lavorativa..
    Sei davvero molto brava!!

    un bacione
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Morirei di fame, Sara ;)

      Come dicevo in risposta a dei commenti sui precedenti post, erano anni che non mi veniva da scrivere... E comunque non è che mi piaccia granché, alla fine delle "puntate" ci sarà un post di considerazioni personali sul racconto...

      Maira

      Elimina
  3. Bellooo...concordo con Sara! Scrivi in modo accattivante dolcezza! E poi se all'improvviso hai tutta questa voglia di scrivere...qualcosa vorrà pur dire no?
    Un bacio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehmmm... per la cronaca mi è già passata... :) Nel senso che ho scritto in un giorno i post fino a martedì prossimo, poi fiacca totale :/

      Maira

      Elimina

Lasciate un'impronta nella mia stanza!